LabDagostino.it

Sicurezza stradale: l’ultima novità si chiama Alcolock

L’ultima novità in materia di sicurezza stradale si chiama Alcolock, un dispositivo in grado di bloccare l’avvio del veicolo se l’automobilista ha un tasso alcolemico superiore a quello consentito dalla legge. Il provvedimento si inserisce nella lunga lista d’interventi mirati a sensibilizzare l’opinione pubblica sui grandi rischi legati alla guida cercando in questo modo di tutelare gli altri automobilisti e i pedoni, spesso vittime dell’imprudenza altrui. Sarebbe infatti in fase di valutazione da parte delle Istituzioni italiane la possibilità di considerare l’omicidio stradale come un reato punito dalla legge attraverso il ritiro della patente fino a 30 anni e la reclusione fino a 12.

Alcolock: una nuova garanzia per la sicurezza stradale

L’abuso di alcool è senza dubbio una delle cause alla base di molti incidenti stradali. Le pagine di cronaca raccontano spesso di incidenti mortali provocati dall’improvvisa perdita di controllo del veicolo causata dall’assunzione eccessiva di alcool, con tragiche conseguenza anche per gli altri automobilisti e pedoni. Per cercare di contrastare questo preoccupante fenomeno lo scorso 24 aprile l’Unione Europea ha approvato la direttiva 2015/653 che introduce i dispositivi alcohol interlock devices, meglio noti con il nome Alcolock. Si tratta di dispositivi in grado di bloccare l’avvio del veicolo nel caso in cui il conducente risulti positivo all’alcool test.

Secondo quanto previsto dalla normativa europea, chi deciderà di farsi istallare questo dispositivo sul proprio veicolo dovrà prima effettuare un alcool test e verificare se le sue condizioni sono in linea con i valori imposti dalla legge. Il provvedimento sarà presto attivo in molti Stati europei che dovranno promuovere e incentivare l’adozione di Alcolock attraverso delle particolari iniziative o agevolazioni. Ma in generale, in tutti i Paesi bisognerà apportare delle modifiche al sistema normativo. Nell’attesa che i tempi siano maturi, verranno avviate molte iniziative per sensibilizzare i giovani sui gravi rischi legati all’abuso di alcool.

I tempi previsti per l’attuazione

La direttiva è entrata in vigore lo scorso 15 maggio, ma gli Stati europei avranno tempo fino a gennaio 2017 per attuare tutte le procedure di conversione e adattamento. Ciò vuol dire che dal 2017 la legislazione italiana sulla patente dovrà prevedere la presenza di questo dispositivo sui veicoli. Tra gli interventi previsti per agevolare ed incentivare l’adozione di questo dispositivo rientrano anche delle agevolazioni sul costo delle polizze assicurative. Per adesso di tratta di una semplice proposta, ma di certo la sua approvazione potrebbe convincere molti automobilisti italiani.

Aggiungi un commento*

Accedi con il tuo account »   oppure aggiungi un commento compilando il form sottostante



*Aggiungendo un commento dichiari di aver letto, compreso e accettato l'informativa sulla privacy e le note legali di AssiSearch.it.

AssiSearch.it è un marchio di Paolo D'Agostino in uso al Laboratorio D'Agostino S.r.l. - Socio unico P.IVA 02225510698
Tutti i diritti riservati. AssiSearch non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile del loro contenuto.
Note legali - Informativa sulla privacy - Informativa estesa sui cookies