LabDagostino.it

Riforma Balduzzi e risarcimento danni in sede civile: l’assoluzione in sede penale non pregiudica le vittime di malpractice medica.

Sì al risarcimento dei danni conseguenti a un intervento chirurgico effettuato a seguito di una errata diagnosi di cancro. È quanto ha riconosciuto la terza sezione civile, sentenza 4030/2013, esaminando il ricorso di una donna sottoposta a un intervento di laparoisterectomia, dopo un’errata diagnosi di carcinoma.

La donna aveva citato in giudizio l’azienda ospedaliera di Parma e due chirurghi, chiedendone la condanna al pagamento dei danni biologici patrimoniali e non patrimoniali, per operazioni che le avevano provocato un’invalidità permanente.

I giudici del merito, il Tribunale di Parma prima e la Corte d’Appello di Bologna poi, avevano però rigettato le sue istanze, ma la Cassazione ha ora annullato con rinvio la sentenza di secondo grado. In particolare, gli ‘ermellini hanno analizzato la questione del consenso informato, «diritto inviolabile della persona».

L’articolo completo è sul sito www.diritto24.ilsole24ore.com. Clicca qui per visualizzarlo.

Paolo D'Agostino

Progettista corsi di formazione in videoconferenza ed e-learning settori assicurazioni e compliance aziendale

Aggiungi un commento*

Accedi con il tuo account »   oppure aggiungi un commento compilando il form sottostante



*Aggiungendo un commento dichiari di aver letto, compreso e accettato l'informativa sulla privacy e le note legali di AssiSearch.it.

*

AssiSearch.it è un marchio di Paolo D'Agostino in uso al Laboratorio D'Agostino S.r.l. - Socio unico P.IVA 02225510698
Tutti i diritti riservati. AssiSearch non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile del loro contenuto.
Note legali - Informativa sulla privacy - Informativa estesa sui cookies