LabDagostino.it

Quanto si spende per la propria auto in un anno?

Quinti si spende per la propria auto in un anno? È senza dubbio questa la domanda che si pongono tutti quelli che decidono di acquistare un’auto. Infatti oltre al costo dell’auto, che potrà variare a seconda del modello e delle prestazioni di guida scelte, ci sono molte altre voci di spesa che contribuiscono a far lievitare la spesa complessiva. La primissima voce riguarderà il prezzo della vettura, con variazioni sensibili a seconda se si decide di acquistare un veicolo nuovo oppure uno di seconda mano.

Una volta acquistata l’auto, bisogna subito provvedere all’attivazione della polizza Rc auto, una pratica obbligatoria per legge. Non farlo significa andare incontro a pesanti multe e sanzioni, che prevedono in alcuni casi anche il ritiro immediato del veicolo.

Quanto si spende di assicurazione auto in Italia?

Dunque, oltre ad essere una spesa obbligatoria, la voce costo assicurazione auto in Italia assume un peso particolarmente rilevante per gli automobilisti italiani. Infatti, oltre ad essere superiore rispetto alle medie europee, l’assicurazione auto subisce delle sensibili variazioni a seconda della Regione di residenza. Gli automobilisti del Sud pagano infatti delle polizze decisamente più elevate rispetto a quelle degli automobilisti del Nord, con un conseguente aumento del numero di “auto fantasma”, ovvero di veicoli in circolazione sulle strade privi di copertura assicurativa.

Tuttavia, nonostante la questione dei costi elevati delle polizze resti ancora una delle problematiche più diffuse in Italia, bisogna evidenziare un lieve miglioramento nel corso degli ultimi anni. L’IVASS, l’Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni, ha recentemente evidenziato un calo generale dei costi nel corso dell’ultimo trimestre del 2015, ben -2,9% rispetto al trimestre precedente e -7,6% rispetto al 2014, con una quota media di 439 euro di premio medio.

Quali sono le altre voci di spesa?

Oltre all’assicurazione auto, la spesa annuale per la propria auto si compone di altre voci che comprendono non solo le spese ordinarie, ma anche le spese straordinarie. Nella prima categoria rientrano quindi il costo del carburante, che potrà variare a seconda delle oscillazioni del mercato, senza poi dimenticare che esistono auto con diversi tipi di alimentazione; e tutti gli interventi di manutenzione periodica del veicolo, come ad esempio la revisione.

Nella seconda categoria, ovvero le spese straordinarie, rientrano invece tutte quelle spese connesse ad imprevisti. Anche in questo caso la spesa potrà oscillare da pochi euro fino a cifre decisamente più elevate. Tuttavia per tutelarsi e quindi per ridurre le possibilità di essere schiacciati da “spese impreviste” troppo elevate è possibile ampliare la propria copertura assicurativa e quindi integrare la propria polizza con delle garanzie accessorie.

In questi casi si potrà decidere se attivare una determinata copertura specifica, ad esempio infortunio conducente, assistenza stradale o eventi naturali, oppure optare per una copertura totale scegliendo la polizza kasko. Si tratta della polizza più costosa del mercato assicurativo italiano che non prevede limiti di copertura e offre all’intestatario la possibilità di ottenere un risarcimento completo, a prescindere dall’entità del danno.

Dunque acquistare un’auto è forse la parte più semplice, dal momento che una buona parte delle spese arriva subito dopo. Tuttavia, adottando uno stile di guida attento e prudente e una maggiore attenzione verso le opportunità del mercato è possibile ridurre almeno in parte la spesa annuale prevista dalla propria auto.

Aggiungi un commento*

Accedi con il tuo account »   oppure aggiungi un commento compilando il form sottostante



*Aggiungendo un commento dichiari di aver letto, compreso e accettato l'informativa sulla privacy e le note legali di AssiSearch.it.

*

AssiSearch.it è un marchio di Paolo D'Agostino in uso al Laboratorio D'Agostino S.r.l. - Socio unico P.IVA 02225510698
Tutti i diritti riservati. AssiSearch non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile del loro contenuto.
Note legali - Informativa sulla privacy - Informativa estesa sui cookies