LabDagostino.it

Polizze danni e vita: cresce la raccolta premi

Ania, l’Associazione Nazionale Imprese Assicurative, ha ricevuto i dati sulla raccolta premi polizze danni e vita dalle imprese di assicurazione operanti in Italia e dalle rappresentanze in Italia di imprese aventi sede legale in paesi europei ed extra europei. Nel 2015 crescono le assicurazioni vita (+4%) e calano le Rc auto (-6,5%) ma la concorrenza fra compagnie incoraggia il ribasso delle tariffe auto e moto.

I dati pubblicati da Ania sulla raccolta premi 2015 relativa alle polizze danni e vita rivela ancora una volta la crescita delle assicurazioni vita: gli italiani non rinunciano alle Rc contro il decesso e infortuni mentre preferiscono non munire auto e moto della copertura obbligatoria. Le compagnie, specie quelle operanti online, cercano di risollevare il mercato facendo sconti e studiando nuove promozioni (per il confronto assicurazioni c’è il motore di ricerca di SosTariffe.it).

Polizze danni e vita a confronto

Le statistiche di Ania sui dati forniti direttamente dalle  imprese di assicurazione operanti in Italia e dalle rappresentanze in Italia di imprese aventi sede legale in paesi europei ed extra europei riguardano i premi contabilizzati nel 2015 per il  portafoglio diretto italiano delle polizze danni (Rc auto, Rc moto, viaggi e altre) e vita (infortuni, decesso). Pur provvisorie, le informazioni riguardano 112 imprese nazionali, 61 rappresentante di imprese europee e 3 rappresentanze extra-europee, perciò i dati si riferiscono all’80% delle assicurazioni (il 95% del settore danni e il 65% del settore vita).

La raccolta premi complessiva nel 2015 ammonta a 147 miliardi, con una crescita del 2,5% rispetto all’anno precedente. Le polizze vita hanno segnato un +4,00% mentre la raccolta danni un -2,4%, tuttavia, l’incidenza dei premi totali sul Pil è lievemente cresciuta, passando dall’8,9% nel 2014 al 9,0% nel 2015. La variazione positiva riguarda principalmente le rappresentanze di imprese europee operanti in regime di stabilimento nel nostro Paese e, in questo caso, la crescita della raccolta premi ha toccato polizze danni e vita (rispettivamente +22,8% e +5,8% che incidono per il 5,5% sugli incassi totali).

Le sole imprese nazionali e le rappresentanze extra-europee del settore vita hanno raccolto 115 miliardi nel 2015 contro i 32 miliardi del settore danni. Ciò è il risultato del ribasso delle tariffe Rc auto ed Rc moto che hanno subito una flessione del 5,3%, nello specifico del -6,5 nel ramo Rc auto e veicoli marittimi e un +2,9 nel ramo corpi veicoli terrestri. Per il ramo Rc auto è la quarta variazione negativa consecutiva. Dal confronto fra polizze danni e vita emerge che i premi delle prime sono diminuiti del 20% e il volume premi del 2015 è tornato ad essere quello di 15 anni fa. I premi Rc auto e natanti, secondo quanto registrato dalle imprese italiane, risultano quindi in diminuzione del -5,4%.

Aggiungi un commento*

Accedi con il tuo account »   oppure aggiungi un commento compilando il form sottostante



*Aggiungendo un commento dichiari di aver letto, compreso e accettato l'informativa sulla privacy e le note legali di AssiSearch.it.

AssiSearch.it è un marchio di Paolo D'Agostino in uso al Laboratorio D'Agostino S.r.l. - Socio unico P.IVA 02225510698
Tutti i diritti riservati. AssiSearch non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile del loro contenuto.
Note legali - Informativa sulla privacy - Informativa estesa sui cookies