LabDagostino.it

III edizione dell’indagine internazionale Zurich sulle PMI

III edizione dell’indagine internazionale Zurich sulle PMI

I danni a trasporti e veicoli aziendali tra i rischi chiave per le PMI italiane,
triplicati rispetto al dato 2013

In testa alla classifica si confermano nel 2014 la forte concorrenza e il calo dei prezzi che influisce sui margini di vendita

Milano, 25 novembre 2014 – Giunge al terzo capitolo il sondaggio internazionale Zurich sulle PMI, che affronta in questa terza release il tema dei rischi per la piccole e medie imprese.
Nel 2014 triplica il numero delle PMI italiane che vede nei danni a trasporti e veicoli aziendali il maggiore fattore di rischio aziendale, registrando un 7% del totale delle risposte rispetto al 2% nel 2013. In forte aumento anche la paura dei danni reputazionali, in incremento di 4 punti percentuali rispetto al dato dello scorso anno. Nel 2014 sale anche il numero delle PMI italiane che vede nel cyber crime un forte rischio aziendale.
Ciò che continua a preoccupare maggiormente le PMI italiane è la mancanza di domanda associata all’eccesso di scorte, che per il 39% del campione rimane il primo rischio (35% nel 2013).
Seguono la concorrenza elevata e il calo dei prezzi che influisce sui margini di vendita, un forte rischio per il 27% degli intervistati in Italia, dato in linea con la media europea dove ricopre il primo posto tra i rischi con il 33%.
Al secondo posto in Europa tra i maggiori rischi per le PMI, la debolezza dei consumi o l’eccesso delle scorte (31%), ad eccezione della Germania dove questa percentuale è molto più bassa rispetto agli altri Paesi della regione (18%).
Inoltre, aumenta la percentuale delle PMI europee che temono la corruzione, con un picco in Svizzera (12% nel 2014, contro lo 0% del 2013); fatta eccezione per l’Italia dove solo il 2,5% del campione teme questo tipo di rischio.
Tra i pericoli meno rilevanti per le piccole medie imprese nella maggior parte dei Paesi europei, troviamo gli eventi dolosi, vandalici e sociopolitici , con solo il 6%.

Non molto diverso il percepito nel resto del mondo: per Sud America, Asia del Pacifico e Medio Oriente e Africa, il rischio maggiormente avvertito è quello della concorrenza associata al calo dei prezzi che influisce sui margini delle Aziende, con una lieve minoranza in Sud America, dove resta più rilevante la paura della debolezza dei consumi e il conseguente eccesso di scorte (34%).
In Australia invece il rischio collegato alla forte concorrenza e al calo dei prezzi è sceso molto rispetto al 2013 (25% nel 2014 contro il 38% nel 2013), mentre è aumentata la percezione del rischio legato ai problemi fiscali e legali (18% nel 2014, 10% nel 2013).

Marco Delpino, Head of Market Facing Underwriting di Zurich in Italia ha così commentato – “I rischi percepiti dalle PMI italiane spaziano dai classici danni legati a trasporti e veicoli ai più innovativi rischi legati alla reputazione e al crimine informativo, segno che la necessità di protezione si evolve di pari passo con il progresso. Per questa ragione in Zurich lavoriamo fianco a fianco con le aziende per offrire la miglior consulenza possibile e per studiare insieme a loro soluzioni al passo coi tempi in grado di offrire protezione adeguata in un mondo in costante evoluzione “ .

Metodologia e campione.
Seconda edizione del sondaggio internazionale sulle PMI realizzata da GFK Eurisko per Zurich. E’ stato chiesto ad un campione di 3800 responsabili tra CEO, Direttore generali, CFO e COO di scegliere un massimo di 3 attività e/o sfide che la loro impresa ha affrontato nei 12 mesi scorsi. I Paesi coinvolti nell’indagine oltre all’Italia, sono stati: Austria, Germania, Irlanda, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera, Argentina, Brasile, Messico, Marocco, Sud Africa, Turchia, UAE Emirati Arabi, Australia, Hong Kong, Malesia, Taiwan.

Zurich Insurance Group (Zurich), leader nei servizi assicurativi, è operativa sia nel ramo danni che nel ramo vita, servendo i propri clienti a livello globale e su singoli mercati locali grazie ad oltre 55.000 collaboratori. Tra i clienti di Zurich vi sono privati, piccole e medie imprese e grandi società, comprese aziende multinazionali, in oltre 170 paesi. Fondato nel 1872, il Gruppo ha la propria sede centrale a Zurigo, in Svizzera. La società holding Zurich Insurance Group Ltd (ZURN), quotata alla SIX Swiss Exchange, è presente sul mercato statunitense mediante un programma American Depositary Receipt di Livello I (ZURVY) negoziato fuori borsa su OTCQX. Maggiori informazioni su Zurich sono disponibili all’indirizzo www.zurich.com.
Zurich in Italia. Zurich è presente in Italia dal 1902 ed opera attraverso una rete di circa 600 Agenzie e accordi di distribuzione con banche e reti di promotori finanziari, nell’area della protezione assicurativa, del risparmio e della previdenza.

Per ulteriori informazioni:
Marco Braga, Head of Corporate Communications Zurich Italia
+39 02 5966 2206 (direct)
+39 3351522528 (mobile)
marco.braga@it.zurich.com

Sonia Bertassi, Corporate Communications Zurich Italia
+39 02 5966 27057 (direct)
sonia.bertassi@ it.zurich.com

Weber Shandwick | Advisory
Tel. +39 02 0064111
Gaudia Lucchini – Ombretta Valdarchi
glucchini@advisorywebershandwick.it
ovaldarchi@advisorywebershandwick.it

Aggiungi un commento*

Accedi con il tuo account »   oppure aggiungi un commento compilando il form sottostante



*Aggiungendo un commento dichiari di aver letto, compreso e accettato l'informativa sulla privacy e le note legali di AssiSearch.it.

AssiSearch.it è un marchio di Paolo D'Agostino in uso al Laboratorio D'Agostino S.r.l. - Socio unico P.IVA 02225510698
Tutti i diritti riservati. AssiSearch non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile del loro contenuto.
Note legali - Informativa sulla privacy - Informativa estesa sui cookies