LabDagostino.it

Assicurazioni auto: novità 2017 per le richieste di risarcimento

Quando si viene coinvolti in un sinistro stradale, dopo aver constatato l’incolumità delle persone, una delle preoccupazioni principali  è rivolta alle procedure da compiere per ottenere il risarcimento danni dall’assicurazione auto che hai sottoscritto obbligatoriamente, tra diverse offerte polizze auto, per poter circolare su strada con il tuo veicolo. Ovviamente c’è prima da stabilire la colpa, valutare i danni e stimarne i costi per poi avviare il processo di risarcimento da parte della compagnia assicurativa che dipende dalle clausole e dalle condizioni specificate nella polizza.

In generale, quando si verifica un incidente stradale, ci sono situazioni in cui le colpe sono evidenti, ad esempio quando sono coinvolti solo due veicoli e le responsabilità generalmente subito chiarite.  L’assegnazione della colpa si fa invece più complicata quando il sinistro implica il coinvolgimento di più vetture e la procedura di indennizzo si fa più lunga e complicata.

Un’altra situazione complessa riguarda ad esempio l’indennizzo in seguito al colpo di frusta, un danno non sempre verificabile clinicamente e che rappresenta una controversia da tempo dibattuta. A questo proposito, sebbene rimangano sempre dei margini di discussione, la Cassazione ha emesso delle sentenze specifiche che mirano a fare chiarezza in merito al risarcimento diretto in caso di coinvolgimento di più veicoli e in merito all’indennizzo per colpo di frusta.

Assicurazione auto: risarcimento diretto in un sinistro con più auto coinvolte e unico responsabile

In caso di incidente stradale con coinvolgimento di più vetture, la Cassazione con la sentenza 3146/17, ha portato a ridefinire la procedura di risarcimento diretto facendo riferimento all’art. 149 del Codice delle Assicurazioni Private. D’ora in avanti è infatti possibile richiedere il risarcimento diretto in caso di sinistro con unico responsabile e più veicoli coinvolti.

In particolare, in caso di soli danni a cose e/o danni lievi alle persone, i danneggiati possono richiedere l’indennizzo diretto rivolgendosi alla propria compagnia assicurativa, la quale si occuperà di gestire la pratica per conto della compagnia del soggetto responsabile. In seguito, si procederà con la regolarizzazione dei rapporti tra le due compagnie per mezzo di una stanza di compensazione.

Questo procedimento è attivabile anche se è presente la corresponsabilità di uno dei danneggiati perché comunque restano coinvolte sempre due assicurazioni. Se invece esistono altri responsabili, non è previsto il risarcimento diretto.

Colpo di frusta: basta il parere medico per il risarcimento

Anche in materia di assicurazione auto e risarcimento danni conseguente a incidente stradale con colpo di frusta ci sono delle novità. Con la sentenza 18773/2016 la Cassazione ha infatti stabilito che non sarà più necessario l’accertamento oggettivo del colpo di frusta attraverso specifici esami medici (lastre, TAC, ecc.) ma basterà la diagnosi del medico legale.

I danni da incidente stradali possono infatti essere stabiliti da una visita medica senza bisogno di ricorrere ad ulteriori esami, come precisa la Cassazione stessa: Il danno alla persona per lesioni di lieve entità di cui all’articolo 139 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, è risarcito solo a seguito di riscontro medico legale da cui risulti visivamente o strumentalmente accertata l’esistenza della lesione.

Aggiungi un commento*

Accedi con il tuo account »   oppure aggiungi un commento compilando il form sottostante



*Aggiungendo un commento dichiari di aver letto, compreso e accettato l'informativa sulla privacy e le note legali di AssiSearch.it.

*

AssiSearch.it è un marchio di Paolo D'Agostino in uso al Laboratorio D'Agostino S.r.l. - Socio unico P.IVA 02225510698
Tutti i diritti riservati. AssiSearch non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile del loro contenuto.
Note legali - Informativa sulla privacy - Informativa estesa sui cookies